Logo Small

L’EQUILIBRIO

 

L’EQUILIBRISTA

Un piacere effimero

lo spostamento dei capelli,

osservare le punte degli alberi,

seguire la corrente,

lo scricchiolio delle foglie,

i brividi caldi.

Sono equilibrista

sul filo della vita,

quel filo sottile

appeso lì lì,

lì davanti a me.

Mi sento volteggiare addosso

il vento della prosperità,

susseguito dal vortice del declino.

Si oppone l’ebbrezza dell’onore

all’uragano del disonore,

incontro il maestrale

della lode,

il tifone del biasimo.

Attraverso la tempesta della sofferenza

e il venticello del piacere.

Questi venti compaiono, scompaiono,

temprano,

organizzano

il mio equilibrio,

le cause della vita,

mi insegnano

a camminare

su quel filo

sottile

proteso sulla mia oscurità.

 

 

“FIN CHE LA BARCA VA”

“BARCA DELLA SPERANZA”

 

Le mie sculture compongono il racconto dei viaggi di coloro che fuggono da una terra ostile sperando di sopravvivere e sperando di raggiungere una terra che sia la nuova vita.

Ho posto le mie sculture sopra un tappeto rosso. Al centro ho collocato una figura femminile per metà bianca e per metà nera a cui assegno il valore simbolico dei diversi popoli che si incontrano.

A destra sono poste le sculture delle figure umane e le forme che ho dato alle barche. Le figure umane partono e hanno i corpi con le braccia abbassate perché esprimano il loro smarrimento per il futuro. La installazione contiene forme di sassi e placche di terracotta dipinta con i colori che ho scelto per esprimere acqua e terra.

Le mie barche e le mie figure umane, ho voluto plasmarle in modo che si presentino come forme spezzate. Concettualmente una sintesi estrema che sia essa stessa a suggerire attraverso la visione il completamento soggettivo dell’osservatore. Con queste forme spezzate intendo riferirmi ad una speranza che è un salto nel vuoto e che deve ancora accadere. Dentro la barca le figure hanno le braccia tese e aperte sperando nel futuro.

A sinistra della installazione ho voluto immaginare un esito vincente e ho quindi plasmato figure con braccia al cielo giunte sulla terra sperata.

Le sculture sparse in disordine drammatico restano presenti come corpi morti e straziati dal mare.

Nel contesto di un casuale e complesso sviluppo in cui la speranza può diventare morte.

 

Follow us

Lorem ipsum dolor sit amet, consetetur sadipscing elitr, sed diam nonumy eirmod.

Follow us

Lorem ipsum dolor sit amet, consetetur sadipscing elitr, sed diam nonumy eirmod.